Comunicare con Fornitore? Fornitore
Kelsey Ms. Kelsey
Cosa posso fare per te?
Chatta adesso Contattare il Fornitore
Home > Elenco prodotti > Parti per seminatrice e seminatrice > Parti di fioriera bianca > 855161 Braccio ruota di chiusura con cinghie girevoli
855161 Braccio ruota di chiusura con cinghie girevoli
  • 855161 Braccio ruota di chiusura con cinghie girevoli

855161 Braccio ruota di chiusura con cinghie girevoli

    Tipo di pagamento: L/C,T/T,Western Union
    Incoterm: FOB,CIF,EXW
    Quantità di ordine minimo: 1000 Piece/Pieces
    Termine di consegna: 60 giorni
contattaci ora

Informazioni basilari

Modello: G855161

uso: Piantagione e fertilizzazione

Weight: 3.4 KGS

Additional Info

Pacchetto: Pacchetto

produttività: 10000

marchio: Greenly

Trasporti: Ocean,Land,Air

Luogo di origine: CINA

Abilità del rifornimento: 10000

Porta: NINGBO,SHANGHAI,GUANGZHOU

Descrizione del prodotto

Nome parte: 855161 Braccio ruota di chiusura con cinghie di rotazione

Codice: G855161

Numero OEM: 855161

Peso: 7,49 LBS

Braccio ruota di chiusura con cinghie rotanti per fioriere della serie White 8000 con doppie ruote di chiusura.

G855161







Più prodotti:


GREENLY è un fornitore di pezzi di ricambio per macchine agricole in Cina.
I nostri prodotti comprendono le parti della seminatrice, le parti per la lavorazione del grano, le mietitrebbie, le catene, i pignoni, i cuscinetti e altri pezzi di ricambio per John Deere, Case-IH, Kinze, KMC, Great Plains, ecc. I nostri prodotti vengono esportati in tutto il mondo, come gli Stati Uniti , Canada, Australia, Spagna, Ucraina .....
E siamo sempre qui per sostenere le tue necessità agricole.


Gp Spare PartsWheelsPlanter PartsDisc BladesNo Till Drill Parts 2Disc Harrow PartsCombine PartsHarvester Parts


Magazzino:


Img 20180315 155833Img 2297



Mostre:


Farm Show


Elenco prodotti : Parti per seminatrice e seminatrice > Parti di fioriera bianca

Mail a questo fornitore
  • Ms. Kelsey
  • Il tuo messaggio deve essere compreso tra 20-8000 caratteri

Casa

Phone

Skype

inchiesta